Intervista a Andrea Pellizzari

Intervista

Intervista a Andrea Pellizzari

"Chat ti amo", Mondadori - Comix, sulla ricerca dell'Anima gemella in Rete
270 pagine, comiche ed economiche , che raccontano:
-decine di trucchi e di strategie per cuccare velocemente;
-20 incontri divertenti ed auto ironici;
-300 nick, tra i più spiritosi, raccolti in quasi 10 anni di navigazione in tutta Italia

Andrea Pellizzari intervistato sul tema single:

Vita da Single.net: Ci sono single di tutte le età. Secondo te, quali sono le differenze sostanziali tra una persona single di 35 anni e una di 50?
AP: Guarda, uno di 35 anni lo conosco bene, perche ci sono passato io stesso! Non conosco single di 50 anni, ma immagino, mettendomi nei panni di un uomo di quest' età, che non si badi piu di tanto all' aspetto fisico, ma a quello intellettuale e psicologico della persona. A 35 anni o prima, per fortuna o purtroppo, si guarda anche il lato estetico delle persone, il viso, il modo di atteggiarsi....ma di sicuro a 50 anni questi interessi scemano e si incomincia a fare riferimento ad altri aspetti della persona.

In "Chattiamo" descrivi i tuoi incontri "ravvicinati" con molte donne. Sei passato dalla vigilessa fascista all'ecologista di sinistra. Dopo queste esperienze, cosa pensi delle donne di oggi? 
AP: Aggiungerei anche la "Berlusconana" (e non "Berlusconiana"). Rispondendo alla domanda, considero le donne come il sesso forte ad essere sincero, nel mondo del lavoro, quando hanno la possibilità di lavorare con gli uomini, sono molto più competitive; Emergono grazie alla loro qualità di voglia di fare e spesso nelle aziende superano gli uomini che non mettono il lavoro al primo posto, al contrario delle donne. Per fortuna sono molto diverse da noi uomini, esistono qualità e difetti da entrambe la parti. Io ho molte amiche donne, mi trovo bene a rapportarmi con loro, poi in tutti i contesti si trovano persone false, intelligenti o furbe!

Sei favorevole all'adozione senza essere in coppia?
AP: Si, sono favorevole. Penso che le persone vadano valutate in base alla loro capacità di essere equilibrate, in base al loro vivere serenamente e sopratutto se sono in grado di dare affetto al bambino. Questo viene prima di tutto, le loro preferenze sessuali, non sono assolutamente rilevanti.

CONTINUA SOTTO...
Cosa rende una donna single intrigante e cosa invece la rende banale?
AP: Banale forse sarebbe quello di lasciarsi andare dal punto di vista fisico. Ad esempio, una donna di 35 anni secondo me, è al pieno delle sue capacità, della sua bellezza, ha sicuramente un lavoro, è curata, è intrigante. Se io incontro una donna che legge, va al cinema, ha degli interessi e se io piaccio a lei, questo potrebbe portare alla nascita di una piacevole amicizia che forse si trasformerà in qualcosa di più.

Credi che le relazioni nate in chat possano durare? Oppure è meglio incontrarsi dal vivo?
AP: Sicuramente è meglio incontrarsi. Quando ci si scrive per tanto tempo in chat, dopo un po' si perdono gli argomenti, e si riparte con lo scrivere "ciao, come stai? ti ricordi di me?" A quel punto mi sembra di scrivere ad un vecchio zio e non più ad una persona che potrei incontrare e trovare piacevole! La cosa migliore da fare è quella di avere quasi da subito il numero di cellulare, mandarsi tanti sms, chiamarsi, perche sentire la voce è un fattore che aiuta moltissimo, iniziare a pensare ad un eventuale incontro ma facendo sempre scegliere alla donna un locale che la faccia sentire a proprio agio, a quel punto si può fissare l'appuntamento. 
Share by: