Intervista a Federica Bosco

Intervista

Intervista a Federica Bosco

Federica Bosco, già autrice di "Mi piaci da morire" vive a Firenze.
Ha lavorato come animatrice turistica in giro per il mondo ed è innamorata degli Stati Uniti: per colorare i suoi scritti si interessa di TV, cinema e gossip.
Abbiamo incontrato Federica durante la presentazione del suo ultimo libro, "Cercasi amore disperatamente" alla Fiera del Libro di Torino.

Federica Bosco intervistata sul tema single:

"All'inizio del nuovo anno una trentenne londinese ancora single decide che è arrivato il momento di riprendere in mano la sua vita e inizia a scrivere un diario".
Il riferimento è spontaneo, Federica Bosco è un'affascinante trentenne,
bionda e dai grandi occhi azzurri, simpatica, con un grande sorriso e un
modo di fare sbarazzino e gesticolante.
È single de ha deciso di scrivere un diario, esattamente come Bridget Jones.

Il paragone la imbarazza, ma lusingata lo ritiene un grande complimento se riferito allo stile un po' inglese e brillante del suo romanzo, "e poi, io, non sono una scrittrice, no! Ho scritto un libro, ora due!"
Due libri scritti e portati avanti in parallelo, che hanno molto di autobiografico, ma non tutto, "Mi piaci da morire" e "Cercasi amore disperatamente" editi a distanza di un anno l'uno dall'altro.


Cercasi amore disperatamente: nel titolo risiede l'essenza di questo romanzo sentimentale, la ricerca spasmodica di amore, non solo l'amore non corrisposto di un uomo, ma anche dell'affetto dei genitori, molto esigenti, troppo belli e narcisisti. La ricerca continua di amore, quando ci si sente eccellere solo nelle delusioni.
La protagonista vive rocambolesche avventure e disavventure, viaggi, amori, delusioni, cerca amore, cerca in ogni luogo, affannosamente, disperatamente.
"Tra le mura di casa, tra i banchi di scuola, in un pub rumoroso, su una spiaggia assolata, in città sconosciute. Cercasi disperatamente cercasi: per Arianna è così".
Chiediamo a Federica Bosco:

Vitadasingle.net: Arianna 31 anni single. Quanto di te c'è in questo personaggio?
Federica Bosco: Le emozioni tutte, le storie molto spesso non sono così, la Litizzetto ha detto una volta "sarei a Lourdes adesso". Sarebbe troppo pazzesco se fossero successe tutte a me! Però molto è successo alle amiche, molto è quello che sarebbe potuto
succedere.
Quando hai un risultato e non sai come ci sei arrivata, allora ti inventi una causa possibile, altre volte invece ti inventi tutto!

Secondo te perché oggi ci sono così tanti single?
Federica Bosco: Guarda. io sono single per colpa mia, non ho pazienza, ho bisogno di costanti conferme, quindi già sono impossibilitata! Poi ho difficoltà a dividere gli spazi, sono probabilmente una predestinata. Però, in generale, credo che ci siano esigenze che stanno diventando inconciliabili, completamente diverse tra i due mondi. Credo che i giovani da questo punto di vista siano più svegli e più fortunati di noi trentenni, che siamo rimasti incastrati in un gap post anni
70, che ci ha incasinati con la storia del principe azzurro che non esiste, e questo lo abbiamo scoperto." Per le donne oggi è ancora un problema essere single, o forse sono più gli uomini a patire questa condizione?
"No! La solitudine non è una bella condizione mai, però è anche vero che quando stai molto bene da sola, devi trovare una persona che ti faccia stare ancora meglio.
La vita in comune intanto è naturale, l'uomo primitivo viveva in clan, siamo noi che facciamo gli individualisti.
C'è anche però chi non c'è la fa a stare da solo e allora trova soluzioni, anche se non lo soddisfano e ne trova una dietro l'altra.
Una differenza uomo donna, no, non più, però vedo molti uomini stare ancora con i genitori, e non hanno intenzione di andare via, anche se hanno buoni stipendi.

I single, secondo te, sono "territorio di caccia" per sposati? Che tipo di rapporti si creano e come vivono i single questi amori?
Federica Bosco: Con un uomo sposato, me ne guardo bene!
Sinceramente, con un uomo sposato non sono mai stata, fidanzato sì, sposato mai. Sono situazioni e sensazioni allucinanti che portano solo un mare di dolore, a te e a tutti gli altri; a volte finisce bene, però è raro. Io le eviterei, ma è vero anche che a volte non se ne può fare a meno.
Cosa pensi dell'adozione di un bambino da parte di un single?
Federica Bosco: Si. sì, non scherziamo! I bambini muoiono a tutti gli angoli in tutto il mondo, sfruttati e massacrati. Chi vuole un bambino e gli può dare una vita migliore, ma scherzi, che ben venga!
Poi il discorso psicologico magari dopo, la vita prima!.

Come vedi il rapporto di coppia oggi e i ruoli uomo-donna come sono cambiati?
Federica Bosco: Difficile, lo vedo difficile: gli uomini un po' più cauti e c'è un po' di ribaltamento.
La vedo dura, però ci sono anche delle belle perle in tutto questo, delle persone che hanno poi risolto, ma mai casualmente; ci vuole molto lavoro su se stessi, sempre, e ci vuole molta pazienza, che io non ho! Ma una pazienza incredibile, e allora poi le cose vanno!

Un'ultima domanda: la felicità per te oggi cos'è?
Federica Bosco: Guarda, già ora sta andando bene, se va così va proprio bene! ...e poi finché c'è la salute ...
Io sono molto serena, ora. Sto vivendo un periodo molto particolare, ripeto, sì sono sola, ma è un momento buono per me e quando arriverà me ne accorgerò, quindi ve lo dirò quando non sarò più single.net, ve lo dirò!
Però ripeto non per scelta mia, per colpa mia! Non sono paziente per niente.


"Lei quell'amore lo vuole a dispetto di tutti: dei suoi genitori compassati, dei suoi amici un po' suonati, dei suoi fidanzati sconclusionati, dei suoi lavori improvvisati. Arianna quell'amore lo cerca. Lontano, tra la gente, il vino, le lingue, i volti, i suoni e i rumori. Arianna ride, gioca, sogna, parla, straparla, corre, inciampa - ah, spesso inciampa! - si rialza, sorride e ricomincia. Arianna è come tante tra noi. È una fragile, ingenua, imbranata eroina".
Share by: